PROGETTI SPECIALI

MICOLTIVO: THE GREEN CIRCLE

I progetti della gente. Smart Community Festival
In linea con i temi di Expo 2015 "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita", la Fondazione Riccardo Catella, in collaborazione con Fondazione Nicola Trussardi e Confagricoltura promuove “MiColtivo. The Green Circle”, un progetto per riportare l'attenzione del pubblico su valori come la condivisione del cibo e dell'energia, la salvaguardia del territorio e dell'ambiente, la crescita sociale ed economica nel rispetto della qualità della vita degli individui e delle comunità.
 
“MiColtivo. The Green Circle” è un percorso dedicato all'agricoltura urbana che si snoda intorno a 50.000 mq di campi seminati a grano, proponendo ai cittadini otto mesi di esperienze agricole nel centro di Milano, attraverso quattro tappe.
 
·         Wheatfield (Campo di Grano): cuore del progetto è l’opera d’arte ambientale dell’artista americana Agnes Denes (1931), un campo che si estende per 5 ettari all’interno dell’area che ospiterà il futuro parco pubblico la “Biblioteca degli alberi”, coinvolgendo i cittadini nelle varie fasi della coltivazione del grano, dalla semina alla raccolta.

Wheatfield: un campo di grano sta crescendo a Milano

  • /rest/upload/32861vista02.jpg
  • /rest/upload/247417vista-01jpg.jpg
  • /rest/upload/209361campo1_800x400.jpg
  • /rest/upload/130283_MG_7139_800x400.jpg
  • /rest/upload/91272_MG_7143._800x400jpg.jpg
  • /rest/upload/40427_MG_7150_800x400.jpg
  • /rest/upload/247798_MG_7159_800x400.jpg
  • /rest/upload/123840micoltivo_8x4.jpg
  • una video mostra didattica, allestita al piano terra della sede della Fondazione Riccardo Catella, racconta l’opera e le tematiche del progetto;
  •  “Coltiviamo insieme!”: un orto con frutteto di 4.000 mq, realizzato dalla Fondazione Riccardo Catella in collaborazione con Confagricoltura in un’area adiacente al giardino pubblico di via De Castillia 28. L’iniziativa è accompagnata da un programma di attività didattiche sulla coltivazione e l’educazione alimentare, dedicate in particolar modo a bambini e famiglie e ispirate al programma “MiColtivo. Orto a Scuola”, che la Fondazione promuove dal 2012 nelle scuole pubbliche cittadine;
  • tappa dedicata al tema della biodiversità, partendo dall’esperienza del Bosco Verticale, vincitore dell’International Highrise Award 2014 grazie all’attenzione per la sostenibilità e la biodiversità. 
Tra i grattacieli e gli edifici futuristici di Porta Nuova sta crescendo Wheatfield (Campo di Grano), un’opera d’arte ambientale dell’artista americana Agnes Denes (1931), spettacolare intervento di Land Art ecologica concepito nel 1982 per riportare l’attenzione del pubblico su alcuni valori sempre più trascurati dalla società globalizzata, come la condivisione del cibo e dell’energia, la salvaguardia del territorio e dell’ambiente, la crescita sociale ed economica nel rispetto della qualità della vita degli individui e delle comunità.  
 
Realizzato per la prima volta nel 1982 a New York, in un’area di un ettaro a Battery Park City, Wheatfield è rimasto nella memoria collettiva come una delle opere di arte ambientale più celebri, un capolavoro dalla potente carica simbolica e dalla grande forza trasgressiva. Con Wheatfield la natura si riappropria della città con un’immagine semplice e dal forte impatto ecologista: un campo di grano cresce nel cuore di Milano, all’ombra dei grattacieli della city, e torna a essere fulcro del nostro vivere quotidiano. L’intervento di Agnes Denes è anche considerato un caposaldo del femminismo: in Wheatfield, infatti, l’artista si reimpossessa della terra e ne celebra la potenza generatrice. 
 
Agnes Denes ha accettato l’invito della Fondazione Riccardo Catella, e della Fondazione Nicola Trussardi a realizzare Wheatfield a Milano, in occasione di Expo, per rinnovare questo messaggio di ritorno alla semplicità e alla concretezza della terra, portatrice di vita e di prosperità. Wheatfield, infatti, non è soltanto un’opera d’arte ma è soprattutto un concetto universale, un grande motore di aggregazione e impegno sociale, che coinvolgerà centinaia di cittadini nelle fasi della coltivazione in un’esperienza che si lega alla storia agricola del nostro Paese: dalla semina al raccolto e alla trebbiatura, grazie al supporto degli agricoltori di Confagricoltura, la più antica organizzazione nazionale di rappresentanza agricola “made in Italy”.
 
L’installazione si estende per 5 ettari (50.000 metri quadrati) all’interno dell’area che ospiterà il futuro parco pubblico la “Biblioteca degli Alberi”. Per realizzarla sono stati trasportati nell’area 15.500 metri cubi di terra da coltivo, e utilizzati 1.250 chili di sementi di grano della tipologia Odisseo e circa 5.000 chili di concime.

Dal 11 Aprile al 30 Ottobre 2015
La Porta Nuova Smart Community èPorta Nuova Smart Community is
Promosso da:Promoted by:
Con il patrocinio di:Patronage:
Grazie ai Corporate Members della Porta Nuova Smart Community:Thanks to Porta Nuova Smart Community’s Corporate Members: